Fondazione Nikolaos - Solidarietà, eventi e cultura

La Fondazione

Menti frizzanti, spiriti dinamici e sogni ambiziosi sono gli ingredienti perfetti per la realizzazione di iniziative ed eventi di rilevanza nazionale ed internazionale, come l’annuale percorso culturale e artistico Nikolart.

Un impegno, quello della Fondazione Nikolaos, che si evolve sia dal punto di vista istituzionale, grazie alla promozione di scambi culturali tra popoli lontani, sia dal punto di vista territoriale, come quello tra le città di Bari e Stettino, in Polonia, o quello tra le città pugliesi di Polignano a Mare e Altamura e quelle bulgare di Sapareva Banya e Haskovo, fino a quello tra Fasano e la cittadina cinese di Chongfu.

La promozione della ricchezza del territorio passa anche dalla varietà ed eccellenza della proposizione eno-gastronomica locale, premiata durante il consueto gala di gennaio La Puglia a Tavola e dall’abbondanza di luoghi significativi della storia dell’arte e dell’architettura pugliese, messi in luce durante la manifestazione culturale itinerante La Puglia nei Castelli. Tutto questo, accompagnato da moltissime altre iniziative culturali e di solidarietà, fanno della Fondazione Nikolaos la cornice perfetta per l’espressione di idee e talenti e per la condivisione con il mondo delle ricchezze territoriali, artistiche e umane che la terra pugliese vanta orgogliosamente.

Dona il tuo 5x1000

Un gesto che non costa nulla, ma che dona un immenso aiuto: la tua firma per il 5×1000 alla Fondazione Nikolaos contribuirà alla realizzazione dei nostri progetti di solidarietà, per un mondo più bello e più giusto.

Scopri di più

News

“Luoghi e Memorie 1943-1945” Mostra-Convegno all’Archivio di Stato

02 Dicembre 2019

“Luoghi e Memorie 1943-1945” Mostra-Convegno all’Archivio di Stato

Altri eventi

Si è tenuto negli spazi dell’Archivio di Stato il 2 dicembre  a Bari la mostra-convegno “Luoghi e memorie 1943-1945”, promossa dalla fondazione Nikolaos e la Società di storia della Russia (R.I.O.), in collaborazione con la direzione del comitato “Dante Alighieri” di Mosca.

L’evento, articolato in due sezioni, “Soldati e partigiani sovietici nella resistenza italiana” e “Bari, 2 dicembre 1943”, è stato illustrato dal presidente della Fondazione Nikolaos Vito Giordano Cardone, alla presenza dell’assessora alle Politiche culturali Ines Pierucci e del presidente della commissione Cultura Giuseppe Cascella.

All’incontro hanno partecipato Antonella Pompilio, direttore dell’Archivio di Stato di Bari, Vito Antonio Leuzzi, direttore dell’Istituto Pugliese per la storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea – IPSAIC e Giorgia Cutino, ricercatrice della Fondazione Nikolaos.

La mostra e il convegno “Luoghi e memorie 1943-1945” permetterà alle giovani generazioni non solo di approfondire la conoscenza di uno dei periodi più drammatici della storia recente – ha detto Ines Pieruccima anche di scoprire che proprio la nostra città è stata teatro di uno dei più pesanti bombardamenti navali della seconda guerra mondiale da parte della Lutwaffe, che causò circa mille vittime tra civili e militari e che ebbe un impatto ambientale devastante a seguito dell’affondamento della nave John Harvey e del suo carico letale di bombe all’iprite. 

Il 1943 segna un punto di svolta della seconda guerra mondiale – ha continuato Giuseppe Cascella c’è un indebolimento del nemico, i tedeschi, e dall’altro un potenziamento delle forze della Resistenza. Questa iniziativa ha il merito di mettere in luce il concetto di resistenza come strategia militare e l’importanza della collaborazione dei partigiani sovietici”.

Questa mostra convegno – ha detto Vito Giordano Cardone è nata grazie al nostro consigliere Paolo Leoci che, insegnando a Mosca, ha avuto contatti con la Società di storia della Russia, l’associazione che riunisce i partigiani russi. Nel corso del convegno saranno appunto ascoltate le testimonianze russe su come Bari fu utilizzata dai sovietici come base per rifornire le truppe partigiane”.

Come Archivio di Stato siamo orgogliosi di ospitare questa manifestazione che sta già suscitando grande interesse da parte di cittadini – ha detto Antonella Pompilio curiosi di ascoltare in modo particolare il tema “Soldati e partigiani sovietici nella Resistenza Italiana”, argomento a molti completamente sconosciuto. Come sappiamo non si finisce mai di scrivere la storia, ci riserva sempre nuove scoperte perché ci sono ancora tanti aspetti da approfondire. Penso che l’Archivio di Stato sia il luogo più indicato per ospitare iniziative di questo genere che raccontano la memoria storica del nostro Paese”.

La giornata prevede due momenti – ha spiegato Giorgia Cutino l’inaugurazione della mostra in pannelli fotografici recanti una documentazione inedita, per la prima volta in lingua italiana e russa, cui seguirà il convegno con storici di valenza internazionale che hanno approfondito, in particolare, la presenza di partigiani russi sul territorio italiano. Si stima che furono circa 5.000 le persone di origine russa che parteciparono alla Resistenza italiana, nella maggior parte russi ma anche georgiani, tartari e di altre etnie dell’URSS. In tutta Europa si aggiravano circa 15.000 persone che portavano un aiuto volontario alla resistenza dei vari paesi europei contro le degenerazioni del nazifascismo e per questo motivo sono stati chiamati resistenza migrante”.

Luoghi e memorie 1943-1945 – ha concluso Vito Antonio Leuzzi rappresenta un importante momento di recupero della memoria. Non è semplice spiegare il ruolo strategico che ha avuto il porto di Bari, ma soprattutto la funzione che ha avuto la città dopo l’8 settembre 1943, per i grandi cambiamenti dovuti al cambio delle alleanze sancito dall’armistizio. La mostra evidenzia il ruolo svolto dalla città di Bari non solo sotto il profilo militare ma soprattutto dal punto di vista civile, perché la Puglia e Bari rappresentarono le prime aree libere dell’intera Europa, ancora sottoposte al controllo del fascismo e del nazismo”.

Leggi
Albert Metasani al Castello di Bitritto con la mostra “Alla ricerca dell’Identità nel Tempo”

28 Giugno 2019

Albert Metasani al Castello di Bitritto con la mostra “Alla ricerca dell’Identità nel Tempo”

La Puglia nei castelli

Albert Metasani, pittore e scultore italo-albanese, ha presentato la sua mostra dal titolo “Identità nel Tempo” all’interno del Castello Baronale di Bitritto. L’Evento, organizzato dalla Fondazione Nikolaos all’interno della seconda edizione di BITLIBRI con il patrocinio del Comune di Bitritto fa parte della storica rassegna “La Puglia nei Castelli”. La mostra è stata occasione di confronto e studio sul tema dell’interpretazione – quanto più personale, suggestiva e sfaccettata – dell’arte. Presentato dal Vicepresidente della Fondazione Nikolaos, Roberto Di Marcantonio, Albert Metasani ha raccontato con passione le sue opere, dall’origine dell’idea fino alla loro realizzazione, lasciando che il pubblico suggerisse la propria personale emozione rispetto a ciascuno dei suoi quindici capolavori.

Leggi

Il giornale della fondazione

Leggi

Sfoglia il giornale della Fondazione Nikolaos

A partire dal 2017, la Fondazione Nikolaos è orgogliosa di diffondere la propria attività e i propri traguardi anche per mezzo di una rinnovata veste di comunicazione e informazione 2.0, costituita dalla rivista online ufficiale Nikolaos.it: si tratta di un nuovo ponte di contatto e di condivisione, capace di raccogliere le parole, le emozioni, i colori che descrivono la nostra essenza e lo spirito che anima tutte le nostre attività. In ogni uscita, disponibile ogni tre mesi sul nostro sito web, sarà possibile rivivere le attività svolte, leggere le interviste ai protagonisti dei mesi trascorsi e sfogliare il calendario degli eventi in programma. Buona lettura!

Newsletter

loader invio in corso...