Musica, divertimento e tanto altro ancora..... - Fondazione Nikolaos

Musica, divertimento e tanto altro ancora…..

09 Dicembre 2021

Solidarietà

 

Uno show con artisti di fama nazionale che si sono alternati sul palco del Teatro Petruzzelli la sera del 8 dicembre, Noemi, Serena Brancale, Audio 2, Vince Abbracciante e i Terraross. Tutti i protagonisti hanno sposato a pieno lo spirito benefico dell’iniziativa, mettendo a disposizione della causa la loro grande professionalità. Un’iniziativa che, come negli scorsi anni, e grazie al contributo di 12 associazioni e del pubblico presente, è arrivata al cuore di tutti: di chi è stato protagonista sul palco, di chi è stato in platea ad applaudire ed emozionarsi e, soprattutto, di chi non è stato presente, ma, anche da lontano, ha sentito quanto è grande il cuore di chi gli vuole bene.

La federazione “Le Strade di San Nicola” si ripropone, anche quest’anno, di raggiungere 4 obiettivi solidali. Un ponte che parta dal cuore di chi ha scelto di dedicare un po’ del suo tempo a chi ne ha bisogno e si unisca idealmente ad essi in un unico caloroso abbraccio. Una serata che non finisce con la chiusura del sipario, ma che quel sipario lo lasci aperto per tutto l’anno su uno spettacolo di vita che abbia come filo conduttore la solidarietà e l’amore nei confronti di chi da quella vita ha avuto, sino ad ora, troppo poco.

I PROGETTI

Il progetto EMOZIONI IN MUSICA, presentato dall’AIPD di Bari in partnership con l’associazione MusicaInGioco prevede il coinvolgimento di istituzioni scolastiche. Nasce dalla convinzione che la musica sia un diritto di tutti e un efficace strumento di integrazione sociale e personale per bambini e adolescenti con difficoltà di apprendimento, forte disagio socio/economico o vittime di bullismo.
Saranno creati due nuclei orchestrali giovanili che potranno realizzare concerti pubblici; bambini e ragazzi saranno “sedotti esteticamente” dalla musica. L’attività musicale diventerà il mezzo per promuovere e sviluppare nei giovani musicisti nuove competenze, autostima, benessere psicofisico e la capacità di “star bene insieme”.

Il progetto UN PARCO ALTRO presentato dal Rotary Club Bari Mediterraneo di Bari e prevede la valorizzazione e la fruizione alternativa dell’area protetta di Lama Balice, si intende, invero, accompagnare, preparare e formare in modo inclusivo le persone disabili al fine di renderle accompagnatrici naturalistiche durante le visite e le attività in programma nel Parco e che sono rivolte alla cittadinanza e agli studenti di scuola primaria e secondaria.
D’altra parte, ai destinatari delle visite non solo verrà suscitato interesse per le risorse naturalistiche della lama Balice, ma anche per le risorse umane coinvolte, abbattendo le barriere legate agli stereotipi e ai pregiudizi verso le persone con disabilità e promuovendo un’idea di fruizione del parco accessibile.

Il progetto SMILING CHOC presentato dall’Associazione We Are Stronger Charity si propone di supportare i bambini di età 5-11 anni fornendo una serie di attività e la distribuzione della versione italiana del libro “Kindness Is All Around” volte a prevenire entrambi bullismo e disordine alimentare.
Lo scopo del libro, così come le attività, è guidare i bambini a stabilire un rapporto equilibrato con il cibo e costruire sane abitudini alimentari fin dall’infanzia, aiutandoli a prevenire i disturbi alimentari, a costruire relazioni solide con gli altri, a rispettare le diversità, a rafforzare la propria autostima e a superare il bullismo.”

Il progetto L’ORTO D’OGNI SANTI  presentato da Aps Marcobaleno proporrà attività collettive di giardinaggio, orticoltura e frutticoltura, al fine di fornire uno strumento terapeutico e riabilitativo per le persone con disabilità; costituirà uno spazio vitale dove sentirsi a proprio agio; favorirà la socializzazione e l’integrazione tra i partecipanti; si pone lo scopo di educare a uno stile di vita eco-sostenibile.
Inoltre l’orto situato nei pressi della Chiesa di Ognissanti potrà essere fruibile da parte di tutte le scuole primarie che intenderanno avviare un percorso di sensibilizzazione e formazione per i propri alunni anche come attività extra scolastiche.